Una nuova voliera per il Parco di Piano dell’Abatino

  • Condividilo su:
01 Settembre 2020

E’ entrata in servizio già da alcune settimane la nuova, grande voliera realizzata all’interno del Parco Faunistico di Piano dell’Abatino con il contributo della Fondazione Varrone. L’impianto ospita attualmente diverse poiane in quarantena, in attesa di essere rimesse in libertà. Libertà appena riconquistata oggi da un assiolo, un rapace notturno raccolto molto piccolo in strada a Rieti e svezzato e cresciuto in questa oasi nell’oasi della Sabina, lungo la provinciale Licinese. Oltre 400 gli animali attualmente accolti nel Parco gestito da Antonio Di Marco e Laura Toti: non solo uccelli ma anche primati – tra cui alcune specie di scimmie in via di estinzione – e altri animali come cervi, asini, cinghiali e ancora tartarughe e pesci rossi. Si tratta di animali ricoverati al Parco per effetto di sequestri giudiziari oppure provenienti da zoo e circhi, oppure raccolti nelle campagne circostanti perché infortunati. Qui trovano cure, cibo, un habitat il più possibile conforme alle necessità della specie e, per gli autoctoni feriti, la speranza di poter ritrovare la libertà una volta guariti. Ulteriori informazioni www.parcoabatino.org/.

La Fondazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico.  Fondazione Varrone, via Crispolti n. 22, 02100 Rieti (RI) - info@fondazionevarrone.it, PEC: fondazionevarrone@pec.it - C.F. 90012780574 - Cookie policy - Privacy policy