Due milioni di euro per il territorio. Tra i settori di intervento anche l'ambiente

  • Condividilo su:
29 Ottobre 2019

La Fondazione conferma 2 milioni di euro di disponibilità erogativa per il territorio, aggiunge ai tradizionali settori di intervento l’Ambiente e amplia il raggio d’azione a progetti internazionali. E’ quanto prevede il Documento programmatico del 2020 elaborato dal consiglio di amministrazione e approvato il 17 ottobre dal consiglio di indirizzo, dopo il parere favorevole dell’assemblea dei soci e presentato stamattina in conferenza stampa a Palazzo Potenziani dal presidente Antonio D’Onofrio e dal consiglio di amministrazione al completo.
Sui settori rilevanti saranno complessivamente investiti 1.650.000 euro; 280 mila euro andranno per gli altri settori di intervento. Nel dettaglio: 700 mila euro sono stati appostati al capitolo Educazione, istruzione e formazione, 350 mila euro per lo Sviluppo locale, 350 mila euro per Arte, attività e beni culturali, 250 mila euro per Volontariato, filantropia e beneficienza, 110 mila euro per le Attività sportive, 100 mila euro per la Salute pubblica e 70 mila euro per il nuovo settore, Protezione e qualità ambientale.
“Restiamo fedeli all’impostazione con cui l’anno scorso ci siamo presentati alla città, ovvero quella di una Fondazione aperta e dinamica, inclusiva e attenta alle proposte del territorio – dice il presidente Antonio D’Onofrio – E’ stato un anno molto intenso, durante il quale la Fondazione ha speso energie e risorse tornando protagonista nei settori che gli sono congeniali: non solo l’arte e le attività culturali ma anche l’istruzione, il welfare, lo sviluppo locale. Nel 2020 accentueremo il nostro profilo sociale, col progetto per i bambini contro la povertà educativa che ci vede attivamente in campo insieme ai principali attori istituzionali e del terzo settore del territorio. Queste oggi sono le necessità delle nostre comunità, verso questa direzione a livello nazionale si muovono le fondazioni di origine bancaria e dentro questo percorso la Fondazione Varrone è saldamente indirizzata”. La notizia dell'approvazione del progetto "Ci vuole un villaggio" da parte dell'impresa sociale Con i bambini è stata approfondita durante la stessa conferenza stampa con gli interventi della consigliera Giada Dionisi, del responsabile della onlus capofila Il Samaritano don Fabrizio Borrello e della progettista Erika Astolfi. 
Tornando al documento di programmazione annuale della Fondazione, nel capitolo Educazione e istruzione ritroviamo la partecipazione al consorzio universitario di Rieti, un nuovo bando per le scuole, il sostegno alla formazione musicale e progetti di alfabetizzazione digitale per adulti.
I fondi per lo Sviluppo locale saranno destinati ad iniziative per le comunità colpite dal terremoto, al sostegno allo sviluppo dell’imprenditorialità (attraverso il Vivaio di Palazzo Dosi) e al marketing territoriale.
Nel capitolo Arte, attività e beni culturali figura la mostra sui beni recuperati dal sisma programmata per la primavera del 2020, le iniziative periodiche a San Giorgio, il progetto Teatro Altrove nei borghi della provincia, gli eventi sostenuti sul territorio.
Nel settore Volontariato verranno privilegiate esperienze di comunità di servizi a famiglie e minori, attive sia in provincia che all’estero.
Non mancherà il sostegno all’Atletica Studentesca, anche in vista dell’appuntamento di Rieti 2020, e ad altri eventi sportivi che funzionino da vetrina per il territorio.
Il capitolo Salute pubblica sarà orientato verso investimenti su apparecchiature e servizi per la sanità locale; il neonato capitolo sull’ambiente servirà a finanziare progetti propri e di terzi per uno sviluppo sostenibile. 

La Fondazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico.  Fondazione Varrone, via Crispolti n. 22, 02100 Rieti (RI) - info@fondazionevarrone.it, PEC: fondazionevarrone@pec.it - C.F. 90012780574 - Cookie policy - Privacy policy